CHI SONO

Sono nato a Roma il 15 ottobre 1983, e sono cresciuto in questa straordinaria città, di cui mi sento quotidianamente e perdutamente innamorato.

Qui ho conseguito i miei studi, la Laurea in Lettere e Filosofia, e, nel 2012, il Dottorato di ricerca in 
Storia della lingua italiana.

Sono una persona molto 
curiosaappassionata e per certi aspetti combattiva, un attivista e militante che sogna un mondo più giusto, che si ribella alle ingiustizie e si indigna quando si verificano. Mi piace analizzare i problemi e affrontarli con le soluzioni più adeguate, anche prendendo spunto dalle esperienze provate in altre parti del mondo. Sono cresciuto attribuendo molta importanza alla famiglia, e forse è per questo che molti mi vedono come un grande aggregatore, a cui piace tantissimo relazionarsi con le persone.

Da 
13 anni fa parte della nostra famiglia Mia, la mia amica a quattro zampe, un cane ti insegna cos’è la fiducia totale, che non va mai tradita.

Sono un appassionato di 
nuoto e tennis, sport che pratico tutt’ora nel tempo libero e che ritengo aiutino ad aumentare le capacità di concentrazione. Mi piace molto camminare, sia in montagna e sia in città.

Dal 2008 al 2018 ho avuto diversi incarichi politici, presso la Provincia di Roma, la Presidenza del Consiglio (con Paolo Gentiloni) e il Ministero degli Affari Esteri. Nei diversi incarichi ricoperti mi sono sempre dedicato in particolare ai temi della 
Solidarietà, dei Diritti Umani e della Cooperazione internazionale

Mi piace molto scrivere, e per questo nel corso degli anni ho collaborato con varie testate: l’Unità, Il Foglio, Left, Avvenimenti. Oggi scrivo per Huffingtonpost.it e Moked.it.

Sono anche autore del libro Il discorso di Giorgio. Le parole e i pensieri del presidente Napolitano (Donzelli, 2013). Ho scelto questo argomento perché ai giovani servono esempi virtuosi a cui ispirarsi, e infatti i Presidenti della Repubblica godono spesso di un altissimo gradimento popolare e giovanile.

Sono presidente dell’Associazione di cultura ebraica Hans Jonas, grazie alla quale ho contribuito a formare varie classi di giovani attivisti, in particolare spiegando loro il senso del servizio e l’importanza del lavoro in team.

Gestisco alcune attività benefiche, in particolare per l’infanzia, grazie alla fiducia accordatami da benefattori che avevano bisogno di una mano per gestire efficacemente le loro risorse.

Attualmente collaboro con l’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI), come responsabile del Desk sulle Global Cities, in questo modo posso avere un osservatorio sulle città più importanti e influenti del pianeta, grazie al quale posso sempre più apprezzare la mia meravigliosa città e anche imparare soluzioni creative per i suoi problemi.

English version

CHI SONO

Sono nato a Roma il 15 ottobre 1983, e sono cresciuto in questa straordinaria città, di cui mi sento quotidianamente e perdutamente innamorato.

Qui ho conseguito i miei studi, la Laurea in Lettere e Filosofia, e, nel 2012, il Dottorato di ricerca in 
Storia della lingua italiana.

Sono una persona molto 
curiosaappassionata e per certi aspetti combattiva, un attivista e militante che sogna un mondo più giusto, che si ribella alle ingiustizie e si indigna quando si verificano. Mi piace analizzare i problemi e affrontarli con le soluzioni più adeguate, anche prendendo spunto dalle esperienze provate in altre parti del mondo. Sono cresciuto attribuendo molta importanza alla famiglia, e forse è per questo che molti mi vedono come un grande aggregatore, a cui piace tantissimo relazionarsi con le persone.

Da 
13 anni fa parte della nostra famiglia Mia, la mia amica a quattro zampe, un cane ti insegna cos’è la fiducia totale, che non va mai tradita.

Sono un appassionato di 
nuoto e tennis, sport che pratico tutt’ora nel tempo libero e che ritengo aiutino ad aumentare le capacità di concentrazione. Mi piace molto camminare, sia in montagna e sia in città.

Dal 2008 al 2018 ho avuto diversi incarichi politici, presso la Provincia di Roma, la Presidenza del Consiglio (con Paolo Gentiloni) e il Ministero degli Affari Esteri. Nei diversi incarichi ricoperti mi sono sempre dedicato in particolare ai temi della 
Solidarietà, dei Diritti Umani e della Cooperazione internazionale

Mi piace molto scrivere, e per questo nel corso degli anni ho collaborato con varie testate: l’Unità, Il Foglio, Left, Avvenimenti. Oggi scrivo per Huffingtonpost.it e Moked.it.

Sono anche autore del libro Il discorso di Giorgio. Le parole e i pensieri del presidente Napolitano (Donzelli, 2013). Ho scelto questo argomento perché ai giovani servono esempi virtuosi a cui ispirarsi, e infatti i Presidenti della Repubblica godono spesso di un altissimo gradimento popolare e giovanile.

Sono presidente dell’Associazione di cultura ebraica Hans Jonas, grazie alla quale ho contribuito a formare varie classi di giovani attivisti, in particolare spiegando loro il senso del servizio e l’importanza del lavoro in team.

Gestisco alcune attività benefiche, in particolare per l’infanzia, grazie alla fiducia accordatami da benefattori che avevano bisogno di una mano per gestire efficacemente le loro risorse.

Attualmente collaboro con l’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI), come responsabile del Desk sulle Global Cities, in questo modo posso avere un osservatorio sulle città più importanti e influenti del pianeta, grazie al quale posso sempre più apprezzare la mia meravigliosa città e anche imparare soluzioni creative per i suoi problemi.

English version >>

FACEBOOK

1 hour ago

Facciamogli tutte e tutti i complimenti!

Angelo Perillo, vicebrigadiere dei Carabinieri alla compagnia Trionfale di Roma.
Mentre è fuori servizio sente le grida della mamma di una bimba provenire ... See more

19 hours ago

Sul "Corriere della Sera" ho detto la mia su Roma e il prossimo sindaco. Leggo con piacere cosa ne pensate.

Buona domenica a tutte e tutti!

1 day ago
Morte Anastasi, il figlio: "Aveva la Sla e ha scelto la sedazione assistita". Mazzola: "Amico e giocatore eccezionale". Zoff: "Amato da tutti". Lunedì i funerali

Apprendiamo oggi che l'idolo della nostra Nazionale di calcio recentemente scomparso, Pietro Anastasi (qui in foto con il suo amico campione Sandro Mazzola), era malato di Sla.
Anastasi ha sofferto ... See more

Gianluca Anastasi ha rivelato che la decisione del padre, morto a 71 anni, è arrivata dopo "tre mesi devastanti, non riusciva più a muoversi

INSTAGRAM

Instagram did not return a 200.

CONTATTAMI

Ad esempio "Tobia Zevi" o "Tobia"
Ad esempio "tobiazevi@email.com"
Qualsiasi cosa tu abbia voglia di dirmi 🙂
Chiudi il menu